Enrica Borghi

Artista - Enrica Borghi è una delle artiste più fantasiose, eccentriche ed accreditate del momento, cerca di superare il disagio per il rischio ecologico che i rifiuti non biodegradabili costituiscono per la società moderna occidentale, creando opere in bilico tra la grande ironia trash, il recupero dei materiali di scarto e la seduzione di un linguaggio onirico e fatato, in un gioco con l’immaginario femminile. Elementi di scarto della vita domestica sono reinterpretati in sfarzosi abiti scultura, in preziosi gioielli di plastica, in busti di una Venere idealizzata scolpita nella plastica o in installazioni a scala urbana. Enrica Borghi contrappone all’idea di grazia eterna, immutabile, l’usa e getta della vita di tutti i giorni che propone un consumo quasi parossistico. Forme diverse di armonia, realizzate con materiali degradabili inseriti in spazi sfavillanti dalla bellezza fragile di un mondo colorato, fiabesco, irreale, seduttivo e segreto. Ha esposto al Museo di Arte Moderna e Contemporanea di Trento e Rovereto, al Castello di Rivoli, e al MAMAC, Musèe d'art Moderne et Contemporain de Nice. Partecipa a progetti di Public Art a Torino, Trieste, Salerno e per Marsiglia Capitale della Cultura 2013. Vive e lavora ad Ameno e Berlino.