Inge Feltrinelli

Editore - Inge Feltrinelli Schönthal, nata e cresciuta in Germania, è figlia di ebrei tedeschi immigrati dalla Spagna. Ad Amburgo intraprende la carriera di fotografa come fotoreporter per diverse testate europee, lavoro che nel 1952 la porterà a trascorrere un lungo periodo a New York ospite della pronipote di J.P.Morgan, riuscendo a intervistare e ritrarre con grande efficacia personaggi quali tra gli altri, Greta Garbo, Elia Kazan, John Fitzgerald Kennedy e Winston Churchill. Tra le sue foto più celebri quelle degli scrittori Ernest Hemingway, Edoardo Sanguineti, Allen Ginsberg, e dei pittori Pablo Picasso e Chagall. Nel 1958 conosce Giangiacomo Fentrinelli che sposa nel 1960, seguendolo a Milano. Giangiacomo nasce da una delle più ricche famiglie italiane, Marchesi di Gargnano. Il padre è stato presidente di numerose società, tra cui il Credito Italiano e l’Edison, e proprietario di aziende, società di costruzioni e della Feltrinelli Legnami, società leader nel settore del commercio di legname con l'Unione Sovietica. La madre, si sposerà in seconde nozze con Luigi Barzini inviato del Corriere della Sera. Durante il periodo della guerra la famiglia lascia Villa Feltrinelli a nord di Salò, che diventerà la residenza di Benito Mussolini. Nel 1954 Giangiacomo Feltrinelli fonda la casa editrice che pubblicò bestseller di rilievo internazionale come il Dottor Zivago di Pasternàk, premio Nobel nel 1958, e Il Gattopardo di Giuseppe Tomasi di Lampedusa. Dal 1969, quando il marito entra in clandestinità e ancor più dopo la sua morte, Inge Feltrinelli gestisce la casa l’omonima casa editrice di cui diventa vicepresidente e dal 1972 presidente. Viaggiatrice curiosa e instancabile, contribuisce allo sviluppo culturale del nostro paese, pubblicando alcuni tra i più importanti scrittori stranieri, e promovendo con successo gli autori italiani all’estero. Gli autorevoli riconoscimenti ricevuti in patria e all’estero testimoniano il suo ruolo di protagonista indiscussa del mondo culturale, politico ed editoriale sempre più libero da frontiere.